Prosecco nemico dei denti? Cosa c’è di vero nella polemica delle testate inglesi


Ma il prosecco rovina davvero i denti? Tra esagerazioni e polemiche, facciamo un po’ di chiarezza sulle implicazioni tra vino e salute orale.

 

La polemica è nata sulle pagine di due quotidiani inglesi, il Daily Mail e il Guardian, dove nei giorni scorsi sono apparsi due articoli dal tono quanto meno catastrofico: Ecco come l’ossessione per il prosecco sta distruggendo i denti degli inglesi e Proteggi i tuoi denti –  sei motivi per abbandonare il Prosecco.  

Interventi piuttosto generici  che però invitavano apertamente il popolo britannico a evitare il Prosecco come fosse la peste. Secondo gli specialisti chiamati in causa, infatti, l’azione dell’anidride carbonica, unita all’alcol e agli zuccheri presenti nella bevanda, farebbe del Prosecco una vera e propria arma di distruzione dei denti! Un veleno diabolico in grado di compromettere lo smalto e provocare gravissimi danni.

 

Gli italiani non ci stanno

Immediata la risposta italiana, da parte di importanti testate e portali ma anche dalle associazioni di categoria e dalla politica. Per tutti il sospetto che, dietro alla “fake news” inglese, ci fossero interessi economici e protezionistici, in linea con la Brexit. Insomma un malriuscito tentativo di screditare un prodotto di importazione molto amato e richiesto. Nel Regno Unito infatti il Prosecco è una vera e propria moda, con 40 milioni di litri bevuti ogni anno e supermercati letteralmente presi d’assalto per assicurarsi l’ultima bottiglia.

 

L’ironia del Times: l’Antisecco

A stemperare i toni, e salvaguardare l’immagine un po’ offuscata del giornalismo britannico, è quindi sceso in campo il celebre Times con un divertente editoriale dal titolo “Antisecco” in cui si critica la strategia di denigrare i prodotti stranieri e si passa ad elencare i grandi simboli italiani paragonandoli ai piuttosto scarsi corrispettivi nel Regno Unito. Insomma, un modo elegante e spiritoso per scusarsi con gli italiani e il Prosecco.

 

Ma al di là delle polemiche: il prosecco fa male ai denti?

Che alcool, anidride carbonica ed elevata acidità non siano alleati dei denti è risaputo. Il vino in generale, e in particolare i vini bianchi, presentano infatti un’elevata acidità e un ambiente a pH basso è in generale negativo per lo smalto dentale. Certo però il prosecco, e in generale il vino, anche per la quantità che solitamente se ne consuma, non rappresenta un fattore di rischio così estremo e di certo non la minaccia dipinta dalle testate inglesi.

Più che per i normali consumatori, una parola si può spendere per tutti quei professionisti (come sommelier, enologi e degustatori) che per lavoro si trovano a trattenere in bocca il vino per molto tempo, prolungando così l’esposizione dei denti a un ambiente acido che in questo caso potrebbe favorire l’erosione dentale e l’insorgere della carie.  Al di là di facili allarmismi, è comunque bene ricordare che molti sono gli alimenti acidi che ogni giorno consumiamo, senza tuttavia riportare conseguenze nefaste. Oltre all’igiene orale e a risciacqui frequenti, non si deve dimenticare l’effetto tampone esercitato dalla saliva. Proprio a quest’ultima infatti è deputato il compito di correggere il pH della nostra bocca, ripristinando i valori adeguati

 

Un consiglio? Giocare con gli abbinamenti

Un altro alleato nel combattere l’eccessiva acidità orale dovuta a un forte consumo di vino, può essere il cibo. Oltre ad aumentare la salivazione, il cibo può rivelarsi un ottimo alleato, in particolare tutti quegli alimenti con pH basico. Un esempio su tutti? Il formaggio. Mangiare formaggio tra un bicchiere e l’altro per esempio è un’ottima soluzione, dal momento che i latticini sono basici e inoltre contengono calcio.

 

Insomma demonizzare il prosecco, o altre tipologie di vino, non è certo la soluzione giusta. Spremute, birra o altre bevande gassate, innalzano allo stesso modo, se non di più, l’acidità della nostra bocca. Dopotutto, continuare a consumare ciò che ci piace senza timori è importante tanto quanto mantenere in salute la nostra bocca e i nostri denti.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *